19 dicembre 2013 - 12:24:42

Groupon e Couponing
Opportunità da valutare con attenzione

Groupon continua a crescere oltre le aspettative anche in Italia. Intanto altri canali di couponing si stanno affermando in questo mercato dei super ribassi. Il vantaggio è solo per chi acquista o esistono opportunità anche per le aziende?

Abbiamo fatto due chiacchiere sull'argomento con Robi Veltroni.

Giacomo Costantini in Ecommerce
couponing Groupon


La situazione contingente spinge i consumatori a tener conto del dilagare di offerte super scontate, dove anche in condizioni normali i vari canali di couponing: groupon, privalia, letsbonus, per citarne alcuni tra i più noti, rappresentano comunque importanti strumenti di promozione.

Abbiamo fatto qualche domanda a Robi Veltroni, specialista di marketing turistico e cultore della materia (consigliamo di seguire il suo Blog è Officina Turistica), che in occasione delle giornate dell'e-commerce di Ravenna ha affrontato nei particolari l'argomento couponing.

Robi quanto vale il fenomeno couponing?

Negli ultimi anni Groupon ha avuto una crescita continua ed esponenziale del volume di coupon, con un peso specifico importante nei settori ricettività e ristorazione. Le ultime analisi dicono infatti che questi sono i settori che raccolgono il maggior numero di offerte.

Quali consigli ti senti di dare a chi ci sta facendo un pensiero?

L'operatore che decide di affrontare una promozione di questo tipo deve esaminare con attenzione le clausole contrattuali per non trovarsi poi in difficoltà nel gestire la propria offerta, ed inoltre deve ponderare l'impatto della stessa sulla propria azienda: organizzazione, costi e reputazione

Tre errori da evitare assolutamente?

  1. Arrivare al couponing senza prima aver praticato offerte home-made per la fidelizzazione dei clienti già acquisiti
  2. Sottovalutare la potenza di tali piattaforme specialmente per le aziende meno piccole
  3. Firmare il contratto senza averlo letto in tutte le sue parti

Cosa può lasciare una campagna di couponing?

Nessuno strumento è buono o cattivo per tutte le imprese e in tutti i momenti. Ci sono periodi in cui le aziende hanno bisogno di aprirsi un mercato, attirare nuovi clienti, percorrere vie pubblicitarie innovative. In alcuni casi e con determinati atteggiamenti positivi e propositivi con i clienti acquisiti con i coupon si crea fidelizzazione, ma bisogna essere molto bravi e sapersi giocare il momento in cui il cliente entra in contatto con il negoziante: provare a fidelizzare il cliente, fare cross e up selling. Ma sono tute cose che andrebbero fatte comunque, con o senza couponing.